Parlare con il proprio medico

Non aspettare che sia il medico a chiederti di un sintomo o di un dubbio. Racconta al tuo medico cosa ti passa per la mente. In tal modo non saranno trascurate informazioni importanti.

Non sentirti mai in imbarazzo nel parlare di determinati argomenti o nel porre domande! Eccone alcune per iniziare:

  • Quanto è grave la mia patologia?
  • Come si evolverà la mia malattia con il passare del tempo?
  • Ci sono attività che dovrei evitare di svolgere?
  • Ci sono cose che dovrei fare ogni giorno?
  • Quali farmaci mi consiglia?
  • Quali sono gli effetti collaterali più comuni dei farmaci che assumo?
  • Esistono gruppi di sostegno in zona ai quali potrei associarmi?
  • Esistono terapie alternative che potrebbero aiutarmi?
  • Quando dovrei rivolgermi tempestivamente a un medico?
  • Quali segni o sintomi sono considerati un'emergenza?


È importante anche informare il medico in merito ad eventuali altri farmaci che stai assumendo oltre a quelli per curare lo scompenso cardiaco.

Ulteriori suggerimenti

Potresti avere molte domande da porre al tuo medico, ma a volte iniziare la conversazione non è così semplice! Per tale motivo un po' di preparazione può esserti utile. Tieni traccia della tua terapia per lo scompenso cardiaco e dei progressi della malattia e portale con te quando vai dal medico.

  • Tieni un diario. Registra il tuo peso e gli eventuali effetti collaterali che hai riscontrato, insieme ad altri sintomi o dubbi. Questo può aiutare il tuo medico o il tuo infermiere a comprendere meglio la tua vita quotidiana. Chiedi consiglio su come migliorare il tuo comfort domestico
  • Porta con te un elenco dei tuoi farmaci. Se ti fai visitare da più medici, è importante assicurarti che tutti siano a conoscenza delle terapie farmacologiche che stai seguendo
  • Fai un elenco dei tuoi obiettivi. Scrivi cosa vuoi ottenere dal vostro incontro. Ti aiuterà a ricordare i dubbi che avevi dall'ultima visita. Inoltre contribuirà a farti sentire di aver raggiunto dei traguardi